Cerca
  • Gherardo

Le Isole Similan


La Thailandia ha centinaia di isole sia nel Golfo del Siam sia nel Mare delle Andamane. Tutte sono costiere, la Thailandia non ha isole in mare aperto. La maggior parte delle stesse era disabitata in passato, ma recentemente molte si sono sviluppate come mete per turisti e subacquee.

In thailandese, i nomi delle isole sono normalmente preceduti dalla parola Ko-Koh-Go-Goh (in alfabeto thailandese เกาะ), che significa "isola"; perciò i nomi non presenteranno un "Isola di" iniziale, se non quando il Ko non è presente. Ad esempio, "Isola di Ko Phi Phi" sarebbe ridondante, mentre "Ko Phi Phi" e "Isola di Phi Phi" sono corretti.

A sud della costa Thailandese si trova un meraviglioso arcipelago chiamato Isole Similan. Si tratta di un parco naturale nato negli anni 80 che all'inizio comprendeva 9 isole (infatti, il nome: “Similan” significa “nove”). Successivamente ne vennero aggiunte altre due. L’isola con la maggiore superficie è Ko Similan, mentre Ko Huyong è quella con la spiaggia più estesa, spiaggia vietata ai turisti per garantire la riproduzione delle tartarughe.

Il fondale marino è ricco di formazioni coralline e ha un ottima visibilità. Sia il mare che la terra ferma possiedono una grande biodiversità. Data la bellezza del fondale, queste isole sono divenute famose per le immersioni che regalano grandi emozioni. La zona est è prevalentemente sabbiosa mentre la zona ovest è caratterizzata da grandi massi granitici che formano tunnel e gallerie sott'acqua. Uno dei punti migliore per immergersi è sicuramente Richelieu Rock, qui è presente una grande varietà di specie marine che animano il fondale con i loro colori e che rappresenta un vero spettacolo per gli occhi dei subacquei.

Il parco lavora in un progetto per la salvaguardia delle specie animali che abitano le isole, tre di queste sono infatti chiuse al turismo rappresentando una riserva integrale sia acquatica che sulla terra ferma. Inoltre è severamente vietato pescare in tutta l’area dell’arcipelago anche se molti pescatori si recano comunque sul posto nonostante sia illegale.

Per raggiungere il parco è necessario usufruire dei servizi che offrono il trasporto via barca partendo da Khao Lak, nella provincia di Phang Nga, e ci vorranno da un’ora alle tre ore a seconda della velocità del mezzo. Le partenze sono effettuate anche dal porto Thap Lamu, che organizzano tratte ad un costo che si aggira intorno ai 1500/2000 Baht (circa tra i 40 e i 60 euro), con partenza ogni giorno alle ore 9.

To make it easy for visitors to search your blog according to topic, add 'Tags' to your posts in the Blog Manager. You can showcase the very best posts from your blog by setting a post as a Featured Post. Just click the star icon next to the Post title to define it as a Featured Post. It’s a great, easy way to promote specific content in your blog.

#hotels #accomidations

28 visualizzazioni

0110448190

©2018 Diving Travel Specialist by Travel Specialist SRL. SEDE LEGALE: VIA DIGIONE 13 BIS 10143 TORINO CF: 11844630019 CAP. SOC. € 12.000 / € 8.000 ISCRITTA AL R.I. DI TORINO AL N. 11844630019 N. REA: TO 1245669